GLI AUGURI DEL PARROCO DON ANTONINO ROCCA

postato in: News | 0

Auguri, Buon Anno 2020

Carissimi, si è appena concluso l’anno 2019 e come sempre va in scena l’elenco di quali e quante aspettative si sono realizzate fra quelle che ci apparivano a portata di mano alla fine dell’anno precedente. Ed ecco allora le parole ricorrenti: bilanci, delusioni, ritardi, gioie, dolori inattesi e nuove aspettative per il futuro rimandate all’anno nuovo!

La Chiesa, madre e maestra di vita e di storia, ci fa iniziare l’anno ancora una volta facendoci celebrare l’evento storico che segna l’ingresso di Dio nel tempo e nella carne umana: la circoncisione del Dio fattosi uomo e la consegna del nome con il quale vuole essere chiamato da ogni essere umano, per fino da quelli che lo rifiutano: Gesù! Dio, l’Emmanuele, colui che regge le sorti dell’umanità, è entrato nel cuore del suo popolo con il segno della circoncisione rituale e si è presentato come il Salvatore nel quale abbiamo a portata di mano la salvezza dai nostri peccati.

L’evento della salvezza ci raggiunge personalmente nel Sacramento del Battesimo, ecco perché la Chiesa, ci ricorda che mentre il mondo procede per “anni nuovi” i discepoli invece procedono ringraziando il buon Dio per ogni giorno ed ogni anno che passano innestati attraverso il Salvatore nel mistero della Santa Trinità. Nuovo anno vuol dire: Nuova Grazia, nuova opportunità di conversione, nuova occasione di cambiamento di mentalità.

Il Dio fattosi bambino, come l’inizio di un nuovo anno solare, rinvia tutti alla logica evangelica della semplicità di un Dio che sceglie il cammino della vita terrena per starci vicini. Un cammino che impone, come un bimbo appena nato, sentimenti di gioia, di amore, richiede relazioni fatte di parole, di gesti, di sguardi, di silenzi, di tenerezza, come anche la ricerca degli alimenti più adatti allo sviluppo complessivo di un corpo fragile che, tuttavia, inciderà nel futuro dell’umanità distratta più dai grandi che dai piccoli ed affascinata più dai potenti che dai deboli.

Maria, Madre di Dio e nostra, ci indica l’unica via possibile per non smarrire la strada verso l’Eterno: il Figlio di Dio divenuto suo Figlio e da Lei mostrato a quanti, smarriti nel cuore e nella mente, cercano il senso della vita individuale e della storia del mondo. Maria e Giuseppe accompagnino tutti noi in questo nuovo anno guardando la meta del nostro pellegrinaggio: la Gerusalemme del cielo. Molto diversa da quella della terra! Li c’è pace, gioia amore e, soprattutto, lì c’è Dio, la sua Giustizia e la sua Misericordia!

Auguri a tutti voi, carissimi parrocchiani. Che sia un Anno Santo scandito dalla Parola di Dio dai Sacramenti, e da una vita Santa.

Il Parroco